Weekend di musica da Brondi agli Afterhours

  • Vasco Brondi

TORINO. Dopo i cinquanta concerti del Costellazioni Tour e il tour acustico Costellazioni a sud, Vasco Brondi, alias Le Luci della Centrale Elettrica, è appena partito per una nuova avventura. È il Firmamento Tour 2015, ultima occasione per vedere Le Luci dal vivo prima di un periodo di stop. Da non perdere, quindi, il live di sabato all’Hiroshima (ore 22, euro 12). «Saranno concerti elettronici ma suonati con le braccia – spiega Vasco – Un concerto disco-punk. Elettrico ed elettronico. Verrà fuori il lato più ritmico e distorto di Costellazioni e degli altri dischi, un lato che è rimasto fino ad ora inesplorato, quell'idea di ballare sotto i bombardamenti».
La programmazione del club di via Bossoli ospiterà domenica (h22, euro 15) un nome di culto come l’inglese Tricky, paladino del trip-hop di Bristol anni Novanta. Al Colosseo, domenica, ritroveremo gli Afterhours in una nuova formazione (h21, da euro 28.75) col tour teatrale #iosochisono, uno spettacolo di luci, immagini, suoni, canzoni, suggestioni e parole sul tema dell’identità. Le canzoni si alterneranno e si mischieranno a brani di narrativa e poesia contemporanea letti e sonorizzati dalla band, miscelandosi con le realizzazioni video di Graziano Staino. La seconda parte comprenderà brani molto amati dal pubblico ma assenti da anni dalle scalette dei concerti.
Il FolkClub ospiterà il blues di Fabio Treves e Alex Gariazzo (venerdì) e le sonorità irlandesi di Cyril O’Donoghue coi Birkin Tree (sabato), mentre alle Officine Corsare i Leitmotiv presenteranno I Vagabondi (venerdì).
Chiusura in bellezza, domenica all’Astoria, con i NonostanteClizia e il loro cd La stagione animale.

DIEGO PERUGINI

 

Articoli Correlati

Vasco Brondi chiudeLe luci della Centrale

Il cantautore ferrarese (nella foto di Max Cardelli) sarà di scena al Nazionale. Mentre al Magnolia c'è la giovane talentuosa cantautrice norvegese Aurora

Luci della Centraletra parole chitarre e computer

Il nuovo tour di Vasco Brondi approda al Monk di via Mirri per due serate da non perdere