Onnivori forever per crescere!

  • Maurizio Baruffaldi

Vado al cinema a vedere Hungry Hearts. Il regista è il figlio di Maurizio Costanzo, Saverio. Classico esempio in cui il figlio di papà non è raccomandato, ma da raccomandare. Per l’asprezza e la profondità del suo film. Un film che si mescola ai sogni e ai dormiveglia, che insiste a parlarmi, e mi costringe a parlarne. Una donna, vegana convinta e ultra documentata, si convince anche dell’aureola che circonda il capo del figlio appena nato; lo isola dal mondo e lo nutre senza nessun grasso animale. Con recinti di protezione, e mani lavate, e nessun rumore, e un’angoscia che sale e che prende lo spettatore, rapito dalla storia e nello stesso tempo sfinito, come quel bimbo che non cresce, che non può crescere. La nonna del neonato porrà fine alla tragedia in corso con un gesto disperato e altrettanto tragico. Necessario. Un finale che è sangue e vita, a chiudere un percorso pallido, protetto e alieno.
Mi perdoneranno gli ostili a questa mia rapida grammatica: l’idealismo ostinato, inizialmente puro, alla fine diventa sterile e feroce dittatura. L’evoluzione è invece contagio, capacità di dosare, apprezzare le differenze. E soprattutto non può fermarsi. Per questo deve difendersi, che significa anche uccidere. L’integralismo, qualunque esso sia, è una patologia. Onnivori, forever.
E anche se di carne ne mangio poca oggi ho bisogno di un hamburgher, e lo voglio ambulante, immerso nel caos della strada. Me ne faccio uno al primo camioncino sulla circonvallazione. E mi sento subito meglio.

 

MAURIZIO BARUFFALDI
giornalista
 

Articoli Correlati
Maurizio Baruffaldi

Così in quel centrosi ritorna vivi

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

Siamo usciti perchéeticamente piccoli

L'opinione di Maurizio Baruffaldi
Maurizio Baruffaldi

Quei 40 centesimi di umanità vera

L'opinione di Maurizio Baruffaldi