La Svizzera a caccia di ingegneri italiani

  • Opportunità

SVIZZERA Boom di richieste di ingegneri e profili tecnici italiani da parte di società svizzere o multinazionali con sedi sul territorio elvetico. È quanto emerge da una ricerca effettuata da Technical Hunters, società italiana di head hunting, che ha rilevato negli ultimi due anni questo interesse, soprattutto da parte di imprese attive nei comparti impiantistico e farmaceutico, con quartier generale a Basilea e Ginevra.

«I profili più richiesti - spiega Matteo Columbo, senior manager di Technical Hunters - sono gli ingegneri, in particolare meccanici e chimici, con una discreta esperienza lavorativa alle spalle, meglio se in multinazionali, con un'età minima di 35 anni e la conoscenza, oltre all'inglese, del tedesco o del francese. Gli stipendi per queste figure sono più elevati, anche del 20% rispetto a quelli italiani, e possono partire da 40 mila euro lordi l’anno e arrivare a 90 mila euro».
 
«Le aziende svizzere considerano gli ingegneri italiani molto validi - prosegue Columbo - grazie all'ottimo livello formativo garantito dalle università nazionali, mentre i manager italiani sono sempre più propensi rispetto al passato a trasferirsi all'estero, a causa della situazione lavorativa che si è venuta a creare in Italia negli ultimi anni». «Nonostante i contratti in Svizzera non diano le stesse garanzie di un tempo indeterminato in Italia, l’opinione pubblica lo considera uno Stato sano e solido -conclude Columbo - e  quindi un buon approdo non troppo lontano dall’Italia. Infine, se è vero che il costo della vita è più elevato, il prelievo fiscale è inferiore rispetto all'Italia». 

METRO

 

Articoli Correlati

Da mamma a imprenditricea testa alta contro la crisi

L’americana Kiersten Millerha aperto The Milk Bar a Roma, Milano e Torino