Prezzi delle case giù anche nel nuovo anno

  • Ricerche immobiliari

MERCATO Prezzi ancora in calo e compravendite in aumento. È la stima di Tecnocasa per il 2015. Dopo anni di ribassi, il 2014 ha visto, per la prima volta, un aumento delle transazioni per circa 420 mila e prezzi ancora in discesa. Una lenta fine della crisi. Secondo le previsioni, l'anno appena iniziato avrà un trend simile: la diminuita disponibilità di spesa e l'offerta sul mercato ancora cospicua fanno ritenere che i prezzi chiuderanno tra -3 e -1% (il Sole 24Ore, elaborando i dati di più operatori, prevede un -2,5%). Le compravendite aumenteranno ulteriormente per chiudere tra 430 e 440 mila. Le grandi città, che hanno già avviato una inversione di trend sugli scambi, continueranno in questa direzione ma con valori ancora in discesa. Situazione simile potrà esserci nelle realtà più piccole come i capoluoghi di provincia e l'hinterland delle grandi città. La stabilità dei prezzi, conclude Tecnocasa, potrebbe raggiungersi nel 2016 e confermarsi anche per il 2017. La svolta ci sarà, se ci sarà, con un ulteriore “repricing” che interesserà le soluzioni usate e anche il nuovo, per smaltire l’invenduto. Le abitazioni in buono stato e quelle di pregio “terranno” di più. La qualità paga.

I MUTUI
Banche prudenti, sempre, ma il numero dei mutui erogati torna a crescere.
Il 2014: per i dati di Nomisma riportati dal Sole 24Ore l’anno scorso sono stati erogati mutui per 24,5 miliardi, +14% sul 2013.
Il 2015: un +18% è previsto quest’anno.

IL PESO DELLE TASSE SUI CANONI DI LOCAZIONE
Imu, Tasi e imposte sui redditi incidono fino al 65% del canone medio, di cui si perde (in media) circa la metà. Lo ha detto uno studio del “Sole 24Ore”. “Maglia nera” a Lecco, seguono Padova, Viterbo, Torino,Pordenone. La cedolare secca allevia la “botta”. Non solo. A Milano, con canone medio di 13 mila euro, al proprietario ne restano 8 mila (cedolare) o 5.500 (tassazione ordinaria): il rendimento, visti i prezzi in calo, è del 2,71% e del 1,87% annui. Dati simili su Roma: 2,81% e 1,90%, con canone medio di 17 mila euro.

METRO