Ristrutturazioni, il bonus vale anche per il sottotetto

  • Fisco

EDILIZIA Nella detrazione prevista per i lavori di ristrutturazione degli immobili trova spazio anche il costo sostenuto per il riconoscimento del vincolo pertinenziale, come nel caso degli interventi di recupero di un sottotetto. La risoluzione n. 118 /E dell’Agenzia delle Entrate, diffusa alla fine dell'anno scorso, chiarisce infatti che il  contributo sostenuto per la redazione dell’atto notarile destinato alla costituzione del vincolo pertinenziale può essere anch’esso ammesso in detrazione.

La risoluzione conferma che gli interventi edilizi per il recupero dei sottotetti a fini abitativi sono a tutti gli effetti restauro e risanamento conservativo e/o ristrutturazione. Di conseguenza, il  costo sostenuto per rendere abitabile un sottotetto esistente può essere portato in detrazione, purché questo avvenga senza aumento della volumetria originariamente assentita. La redazione dell’atto notarile di vincolo unilaterale è un atto che rende la parte di sottotetto esistente “pertinenza” dell’unità immobiliare principale. Quindi, l’atto notarile è considerato funzionale alla riduzione del contributo da corrispondere per il rilascio della concessione edilizia. Ne consegue che anche il costo sostenuto per la redazione dell’atto è ammesso in detrazione poiché determina l’importo del contributo detraibile.

ADNKRONOS

 

Articoli Correlati

"La Flat tax ci saràMa non faremo tutto in 6 mesi"

Il vicepremier Matteo Salvini: "Una forte riduzione delle tasse ci dovrà essere"

Rottamazione cartelle,ultimi giorni per la quarta rata

Fisco, il pagamento della quarta rata della Definizione agevolata

"Flat tax? La studiamo"Né manovra né patrimoniale

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria