La Ducati Scrambler conquista l'America

  • Novità moto

MOTO Se fosse stata una moto come le altre, forse alla Ducati non avrebbero organizzato un test di guida a 10.000 chilometri da casa. Ma per la nuova Scrambler nulla è sembrato da subito impossibile. Così la California e Palm Spring è diventato il contesto ideale per il debutto su strada della Scrambler di oggi progettata da Ducati come se quella di ieri non avesse mai interrotto la produzione. Estremizzando il concetto, però, si potrebbe anche dire che la Scrambler è la prima Audi a due ruote, tanta è la cura riservata ai dettagli estetici come la chiave che ricorda il devioluci della “vecchia” montato sul faro e il tappo del serbatoio che riprendendo il disegno della moto di ieri riporta la scritta “Born Free 1962”. Sotto il serbatoio, poi, c'è il Desmodue da 803 cc con 75 CV a 8.250 giri e 68 Nm di coppia a 5.750 giri. Il cambio è a 6 marce. Anche il prezzo della Scrambler è ben calibrato. Parte da 8.240 euro per la Icon rossa, 100 euro in più per la Icon gialla e 9.640 euro per le altre tre versioni: la Classic, la Urban Enduro e la Full Throttle. Le prime impressioni? La Scrambler non è una moto che suscita le stesse emozioni forti di tutte le altre Ducati, ma conquista per quel suo aspetto divertente. Non sarà, forse, una Ducati da portare in pista, ma ha lo stile, la semplicità e lo status di una moto che certo non passerà inosservata su strada. Esattamente come succede per le auto dai dettagli studiati ad hoc, realizzate coi materiali gusti e che quasi sempre hanno stampato sul cofano il simbolo dei “quattro anelli”.
CORRADO CANALI

Articoli Correlati

Suzuki GSX-R1000elettronica e design

A EICMA il modello del costruttore giapponese, "figlio" della MotoGP

BMW G 310 RInedita naked

La novità tedesca a Milano per l'EICMA. E poi c'è la eRr

Da Piaggio e Guzzile “chicche” per EICMA / LE FOTO

La Casa di Pontedera e quella di Mandello del Lario riservano alla manifestazione alcune novità