Trenitalia, per Expo 2015 più treni e più fermate

  • Milano/Trasporti

MILANO Aumentano i collegamenti e le fermate a Milano e a Rho Fiera Milano per le Frecce Trenitalia in occasione di Expo 2015, di cui sarà vettore ufficiale. È la principale novità dell’orario Trenitalia per il 2015, al via da domenica 14 dicembre, in vista dell’Esposizione Universale a cui partecipano 147 Paesi, in programma dal primo maggio al 31 ottobre 2015.

Milano e Rho Fiera Milano diventano infatti il principale hub Trenitalia perché collegate con più frequenza con Roma, Torino, Bologna, Reggio Emilia AV, Firenze, Napoli, Salerno oltre a Venezia, Padova, Verona, Trento, Bolzano e Bari, Lecce, Lamezia Terme e Reggio Calabria: 236 treni al giorno da tutta Italia, di cui 148 Frecce. 

Dal 14 dicembre infatti, ogni giorno, a Milano Centrale fermano 72 Frecciarossa, 64 Frecciabianca, 36 treni internazionali e 38 tra InterCity e InterCity Notte. A Milano Porta Garibaldi sono previsti 12 Frecciarossa e quattro InterCity Notte e a Milano Rogoredo 16 Frecciarossa, due Frecciabianca e 14 InterCity.

In occasione di Expo saranno attivate 41 nuove fermate a Rho Fiera per 19 Frecciarossa, 18 Frecciabianca e 4 Intercity Notte, per un totale di 20mila posti al giorno, e 26 fermate per treni internazionali da Svizzera e Francia, per un totale di 11mila posti al giorno. 

Milano sarà servita complessivamente da 236 collegamenti nazionali Trenitalia, di cui 148 Frecce, in arrivo e partenza dalle sue principali stazioni. 

OMNIMILANO

Articoli Correlati
Milano/Trasporti

Mazzoncini: «Lunedìdecideremo su Trenord»

L'Ad di Fs risponde alla controproposta fatta dal presidente lombardo Fontana. La prossima settimana il verdetto
Milano/Trasporti

«Per Rfi devo essere un disabile express»

È lo sfogo di Simone, passeggero che ogni sera sfida la sorte con la sua carrozzina pur di salire sul suo treno. La colpa è degli annunci in ritardo di Rfi
Milano/Trasporti

Trenord-Fs, Fontanapronto a trattare

Il Governatore non dice no a Mazzoncini su un possibile cambio di governance. Il Pirellone «potrebbe anche cedere la partecipazione»