Mafia Capitale, odore di soldi senza colore

  • Maurizio Guandalini

Mi arrovello, ogni giorno, a cercare i motivi più nascosti e profondi della nostra crisi. Ci penso su. Studio le variabili più strane. Spesso non ci capisco nulla. E una volta che ho trovato tutte le risposte mi hanno cambiato le domande. E voilà,  basta leggere la cronaca, la vita di tutti i giorni e la soluzione alle angosce arriva. Puntuale. A Roma hanno scoperto l'ennesima cupola mafiosa con dentro partiti, ex sindaci, dirigenti pubblici. Una organizzazione che teneva in ostaggio la capitale d'Italia. La lista di ‘esempi’ è lunga e geograficamente variegata. Raggiunge il Nord con Expo per scendere in Calabria e in Sicilia. Ha scritto bene il direttore di Metro su questa pagina.  Anni fa, quando approcciai allo studio dell'economia, mi trovai a spiegare un caso che allora, come oggi, mi lasciò attonito. Le principali regioni del Sud erano nelle mani di mafia, 'ndrangheta, camorra e sacra corona unita. Metà Italia priva di legalità, trasparenza e libertà. Sono passati 25 anni e nulla è cambiato, solo i confini si sono ampliati. Come può un imprenditore straniero venire in Italia e investire, costruire i muri di una azienda e produrre? Chi glielo fa fare? E ancora. Come possiamo, noi, arrabattarci con regole e regolette di Bruxelles o strapparci per un job act e un articolo 18 di turno quando viviamo in un Paese che è il far west? Quando la corruzione, il maneggio, il magna magna, la criminalità ci tengono in ostaggio? Vai a spiegare il nostro made in Italy in giro per il mondo: pizza, spaghetti, mandolino, coppola e  cupolone. Mafia Capitale ci rivela di quanta sporcizia sedimentata è la nostra classe dirigente. E di quanta ipocrisia è montato questo paese che svela coloro che manifestano contro rom e clandestini essere poi tra  i primi a farci gli affari sopra. L’odore dei soldi è senza colore (politico), si spande, è un acceleratore spontaneo che diventa potere e a tratti egemonia culturale (?!) di sistema: se vuoi lavorare e arricchirti c’è solo uno spartito da suonare. Come spesso accade, da un po’ di tempo, dobbiamo aggrapparci alle parole di Papa Francesco, tra i pochi riferimenti etici e morali rimasti. Il Pontefice tuona per fermare la frenesia da cartamoneta, la tentazione del Diavolo. Noi, che siamo laici e liberali fino al midollo, ci basterebbe lasciare la scena a onestà, etica e moralità, conduttori di vita agli angoli da sempre e  sollecitati solo alla bisogna per assolvere gli squadroni di corrotti dai peccati.

MAURIZIO GUANDALINI

Blog www.metronews.it/blogs/made-italy.html

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La lezione americanache vale anche per noi

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Global warming, lezionea Trump il negazionista

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

In politica come a golfc'è rischio di flappare

L'opinione di Maurizio Guandalini