Difficile reperire il 10% dei profili

  • ASSUNZIONI

ROMA È in forte calo la difficoltà di reperimento di figure professionali nel 2014: interessa solo il 10% elle assunzioni previste, pari a 61 mila profili.
In Lombardia ci sono buone opportunità di trovare lavoro nelle imprese dell’industria e dei servizi per gli ingegneri elettronici e dell’informazione da assumere come esperti software o analisti programmatori, mentre in Piemonte una laurea in Scienze dell’informazione può valere un posto da responsabile delle iniziative promozionali. Il Veneto fa fatica a trovare bravi stuccatori edili, il Lazio accompagnatori turistici, e ancora il Veneto scenotecnici e musicisti. È la mappa del lavoro nel 2014, disegnata dal Sistema informativo Excelsior di Unioncamere e ministero del Lavoro. Un puzzle di piccole e grandi incongruenze: sebbene le entrate complessive siano in aumento rispetto al 2013 (ma il saldo risulti ancora negativo), per 61mila delle 613mila assunzioni programmate per il 2014 le imprese ritengono di avere qualche difficoltà a trovare la persona giusta. «Il dato, percentualmente il più contenuto mai rilevato dall’indagine Excelsior, deriva - spiega Unioncamere - da due  forme di disallineamento della domanda-offerta di lavoro: una legata all’offerta, poche persone disponibili con lo specifico titolo di studio. L’altra dovuta alle competenze richieste dalle imprese e, quindi, strettamente dipendente dalla insufficiente diffusione di quelle abilità acquisibili solo attraverso il potenziamento dei percorsi di alternanza scuola-lavoro, in grado di far fare ai giovani una prima esperienza lavorativa e di allineare maggiormente la formazione scolastica alle esigenze del sistema produttivo».

 

METRO

Articoli Correlati

Contratti a terminei più gettonati

Gli incentivi non inducono le aziende ad assumere a tempo indeterminato