L'efficienza energetica vale una bella sferzata al Pil

  • EDILIZIA

RICERCHE Il patrimonio edilizio italiano è fortemente energivoro ma, con interventi di efficientamento energetico, potrebbero essere risparmiati 92 TWh di energia e potrebbe essere generato un giro d'affari stimato di 7,4 miliardi. Il patrimonio edilizio nel nostro Paese e' composto da 13,7 milioni di edifici (12,1 milioni adibiti a uso residenziale e 1,6 milioni a uso non residenziale) e il 70%, costruito prima che venisse introdotta qualsiasi norma sull'efficienza energetica in edilizia, genera da solo il 36% dei consumi energetici complessivi italiani. Dunque il fabbisogno energetico medio degli edifici del nostro Paese è di ben 180 kWh/m2, contro un fabbisogno medio di 160 kWh/m2 della Spagna e di 150 kWh/m2 della Francia.     
Sono questi alcuni dei dati emersi durante un convegno al Politecnico di Milano Bovisa, organizzato da Mce-Mostra convegno expocomfort.    L'Italia e' al 1° posto in Europa nella classifica delle emissioni medie di Co2 da edifici. Un “primato” che conferma la necessita' di interventi. Che potrebbero incrementare il Pil tra il 2 e il 4% l’occupazione di ben 460 mila posti di lavoro entro il 2020.

Peso del residenziale: altri dati dal convegno.
• I 92 TWh che si potrebbero risparmiare corrispondono a quasi un terzo del consumo elettrico annuo italiano.

• Il risparmio di energia termica avrebbe impatto specie nel residenziale: 47 TWh sui 75 totali preventivati.

METRO

Articoli Correlati

Addio alla burocraziaper le ristrutturazioni

Niente più comunicazioni al Comune per 58 tipologie di opere e interventi

Edilizia, liberalizzatii piccoli interventi

Arriva il “Glossario dell’edilizia libera” con 58 lavori senza più comunicazione ai Comuni

Fallimenti immobiliariPresto la tutela per le vittime

Il notaio non procederà al rogito se l'azienda costruttrice nno avrà versato la fidejussione prevista dalla legge