Salvini, l’uomo dello share tv

  • Maurizio Guandalini

Secondo Matteo. L’altro Matteo. Salvini, il leader della Lega. C’era apprensione in giro e finalmente “hanno” trovato l’avversario di Renzi. C’è una opposizione. “Hanno” perché quelli più in ansia erano i talk show  che marcavano un vistoso segno meno negli ascolti perché mancava una voce contro il premier. Habemus papam, è stata trovata la pozione magica. E ora il leghista con le felpe interscambiabili e le scritte cubitali (Padania, Emilia, Milano) va via come il pane. Lo trovi ovunque e gli ascolti vanno su. In televisione tira. Ci sa sta stare. Parla come mangia. Un coetaneo generazionale di Renzi, entrambi “stagisti” in gioventù, in trasmissioni televisive dell’impero Mediaset: Renzi alla Ruota della Fortuna con il mitico Mike Bongiorno, Salvini a Doppio Slalom presentato da Corrado Tedeschi. Altroché scuole di partito, corsi per la formazione politica. Il tavolo della politica dell’oggi discende da 30 anni e oltre del tourbillon televisivo. Sarà per questo che li sentiamo, Renzi e Salvini, due leader più alla portata, più vicini ai linguaggi della gente comune, spicci e pratici.
 La tv è il centro, quella che fa i leader e ne determina successi o insuccessi. Chi aveva profetizzato la fine del tubo catodico si deve ricredere. Al contrario non esiste altro strumento che ha una capacità innovativa e di rigenerazione così potente. Gli ascolti dei programmi di politica andavano male, l’opposizione non c’era, dopo aver supportato l’ex Sindaco di Firenze, hanno provato con i grillini ma senza esito, alla fine hanno trovato in Salvini l’uomo dello share. E voilà il pranzo è servito.

MAURIZIO GUANDALINI
(giornalista e economista)

Articoli Correlati
Maurizio Guandalini

La lezione americanache vale anche per noi

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

Global warming, lezionea Trump il negazionista

L'opinione di Maurizio Guandalini
Maurizio Guandalini

In politica come a golfc'è rischio di flappare

L'opinione di Maurizio Guandalini