Lavoro, l'età non sia discriminante

  • Lavoro

LEGGI Selezionare posizioni lavorative ponendo limiti di età nelle inserzioni è discriminatorio. Il concetto è stato ribadito dalla Corte di Giustizia europea: l’istituzione ha dato ragione a un cittadino spagnolo che era ricorso contro una selezione pubblica per vigili urbani che poneva come età anagrafica-limite i 30 anni. La sentenza si riferisce dunque all’ambito pubblico, e farà giurisprudenza nei Paesi membri, dunque anche in Italia. Ma non si tratta certo di una novità. Infatti, il concetto di discriminazione per età risale alla direttiva-quadro 2000/78/CE, recepita in Italia dal decreto legislativo 9 luglio 2003, n. 216. In esso si dice che “il principio di parità di trattamento senza distinzione di religione, di convinzioni personali, di handicap, di età e di orientamento sessuale si applica a tutte le persone sia nel settore pubblico che privato”. Ma attenzione: la valutazione di dette caratteristiche non è illecita quando siano “essenziali” alla natura del lavoro richiesto. Essenzialità che deve dunque essere provata e documentata da parte del datore.

METRO

Articoli Correlati

Cassazione: mobbingpuò diventare lesioni

Confermata condanna per un datore di lavoro che aveva vessato un dipendente scatenando una patologia psichiatrica

Governo, sugli 8000 postiè battaglia con Boeri

Di Maio evoca il complotto. Tria: "Stime prive di prive di basi scientifiche"

Decreto dignità in Aulatra due settimane

Scontro sui voucher tra Lega e M5S. Visco invita alla prudenza e all'equilibrio sui conti