Sciopero generale I renziani attaccano la Cgil

  • Jobs Act

ROMA La Cgil ha proclamato per il 5 dicembre uno sciopero generale di otto ore, con manifestazioni a livello territoriale, contro la legge di Stabilità e il Jobs Act. Lo ha annunciato il segretario del sindacato, Susanna Camusso, che ha rivolto la proposta anche a Cisl e Uil, nella speranza di garantire una loro partecipazione alla mobilitazione generale.
 

Lo sciopero indetto, però, ha scatenato numerose polemiche, in particolare sui social network, per la sua vicinanza al ponte dell'Immacolata di lunedi' 8. Ernesto Carbone, membro della segreteria del Pd, ha twittato “il ponte è servito”, altri lo hanno ribattezzato “lo sciopero dell'Immacolata” e i commenti ironici sono andati avanti per ore. Anche Landini, leader della Fiom, è intervenuto sulla questione, minimizzando: «Sciopero ponte? La cosa mi fa solo ridere, le piazze sono strapiene. Uno sciopero costa molto a un lavoratore, èuna sciochezza affermare questo».

 

METRO

Articoli Correlati

Tempi lunghie tempi corti

L'opinione di Maurizio Guandalini

In Francia il jobs actsenza il sì dei deputati

Il Consiglio dei Ministri approva il ricorso a una clausola che permette l’adozione della legge per decreto senza votazione

Consulenti del lavoroin primo piano

Un ruolo centrale nel nuovo quadro regolatorio tracciato dai decreti del Jobs Act