"Mi sta a cuore il tuo cuore", la campagna

  • Prevenzione

SALUTE Andare al cuore del problema. Per combattere e soprattutto prevenire le malattie cardiovascolari che in Europa rappresentano la principale causa di mortalità (52% nelle donne e 42% negli uomini). Perché nonostante i numeri dei casi così elevati, quasi l'80% delle patologie che interessano il nostro organo vitale per eccellenza e colpiscono persone con meno di 75 anni può essere prevenuto senza ricorrere all'intervento chirurgico. Come? Attraverso il controllo dei fattori di rischio e un corretto trattamento farmacologico. Negli ultimi 10 anni infatti il tasso di mortalità per le malattie ischemiche del cuore è diminuito del 33% grazie alla diagnosi precoce, ai farmaci e all'attività di promozione di stili di vita sani. Una vera e propria strategia a cui punta “Ci sta a cuore il tuo cuore”, campagna promossa da Apoteca Natura  con la Società italiana di Medicina Generale e delle cure primarie e l'Associazione Medici Diabetologi (www.apotecanatura.it). Come sottolinea il dottor Giuseppe Ventriglia a nome dei medici di famiglia: «È importante diffondere in modo capillare un messaggio chiaro e fondamentale, e cioè che il nostro stile di vita è la medicina più importante. Alimentazione corretta, attività fisica regolare e abolizione dei fattori di rischio, come ad esempio il fumo e l'alcol, rappresentano le armi vincenti per combattere, a qualsiasi età, l'insorgere di patologie cardiovascolari».

A novembre, in oltre 500 farmacie d'Italia si avranno a disposizione dei veri e propri strumenti di prevenzione: oltre a ricevere un opuscolo informativo sui corretti stili di vita, nei 4 martedì del mese sarà possibile fare controlli gratuiti della pressione arteriosa, della misurazione del colesterolo, dell'indice di massa corporea e della circonferenza addominale, tutti segnali che se indirizzati male portano lontano dal cuore (sano). E sarà possibile individuare i propri fattori di rischio attraverso un questionario che fa riferimento a strumenti ufficiali come la Carta del Rischio Cardiovascolare dell'Iss e il Test Findrisc dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per stimare il rischio di diabete di tipo 2.

LUISA MOSELLO

 

Articoli Correlati

Adolescenti? Dal medicosolo se c'è un problema

Una indagine realizzata da Istituto di Ricerca Iard, Associazione Laboratorio Adolescenza e Family Health

Salute: al via domenicala giornata del malato reumatico

L'iniziativa mette al centro dell'attenzione la prevenzione: a Roma si terrà dalle 10 alle 17 in piazza San Silvestro a Roma, con screening e visite gratuite

Instagram e anoressiaUna guida per genitori e figli

Vademecum sul controverso rapporto tra il popolare social network e i disturbi alimentari