Italia ultima nella Ue per imprenditorialità

  • Nuove imprese

ROMA. L’Italia non è un Paese per imprenditori. Lo conferma la ricerca che il Centro Studi “ImpresaLavoro” ha effettuato elaborando i dati raccolti nell’ultimo Global Entrepreneurship Monitor (GEM), il monitoraggio dell’imprenditoria nelle principali economie avanzate che a partire dal 1999 viene condotto ogni anno sotto la guida della London Business School and Babson College.  L’indice misura il dinamismo e la propensione a fare impresa di ogni singolo paese, premiando quei territori in cui gli imprenditori percepiscono migliori possibilità nell’intraprendere e ottengono migliori risultati.
 Ne esce purtroppo un quadro a tinte fosche: nel 2013 l’Italia è il fanalino di coda della classifica europea e perde il confronto con tutti i principali competitor: Irlanda (settima), Portogallo (decimo), Gran Bretagna (16esima), Germania (18esima), Spagna (19esima), Grecia (20esima) e Francia (21esima).  Svettano economie in grande crescita come Lettonia, Lituania o Polonia.
Per quanto riguarda l'indicatore che  misura la percentuale dei soggetti dai 18 ai 64 anni che sono nuovi imprenditori, , nel 2013 il nostro Paese si è collocato al 23esimo della classifica europea col 2,4%, perdendo il confronto con tutti i principali competitor: Irlanda (decima), Portogallo (14esimo), Gran Bretagna (16esima), Grecia (17esima), Germania (19esima), Spagna (20esima) e Francia (22esima).

 

METRO

Articoli Correlati

Lavoro, boomdi servizi per la famiglia

In 5 anni +39 % in Italia di imprese nei settori dell’istruzione, tempo libero, servizi alla persona, che aiutano a conciliare tempi di lavoro a famiglia

Occupiamoci 2015Il bando per imprese sociali

Seicentomila euro per l’inserimento di giovani tra i 16 e 29 anni: progetti dalla ristorazione al turismo

Nuove aziende benefitAl via l'iter per riconoscerle e incentivarle

Parte dal Senato la proposta di riconoscere le aziende che destinano parte dei loro profitti per migliorare la vita di abitanti e dipendenti