Il volontariato regge anche senza prestiti

  • CRISI

Milano Otto organizzazioni di volontariato su dieci reggono la crisi anche senza rivolgersi alle banche. Ma i rapporti storicamente freddi tra i due mondi  stanno gradualmente migliorando. Lo svela il rapporto “Le organizzazioni del volontariato in Italia” curato da Banco Popolare, Fondazione volontariato e partecipazione e Centro nazionale per il volontariato. La quantità di liquidi resta la stessa nelle casse del 56,6% delle organizzazioni. Precarie o di estrema difficoltà sono le condizioni del 14% delle organizzazioni. Le altre considerano il bilancio buono o ottimo. Stabili anche le entrate, mentre uno su tre vede davanti un segno negativo. Il settore dove le organizzazioni sono messe peggio, secondo il rapporto, è quello dei beni culturali e ambientali.

METRO

 

Articoli Correlati

Il Mezzogiornoscivola indietro

Il Rapporto Eurispes conferma che il Sud, e in particolare Sicilia e Sardegna, stanno pagando il costo più alto per la crisi

Confindustria: incertezzaparalizza la ripresa

Il rapporto sul benessere stilato dall'Istat disegna un Paese con forti disuguaglianze

Per l'Istat le famiglieora tirano il fiato

Per la prima volta dopo 5 anni migliorano le stime relative al giudizio sulla soddisfazione per le condizioni di vita