Il Led brilla sempre più ma occhio all'etichetta

  • Innovazione

CONSUMI. Il premio Nobel per la fisica 2014 è stato assegnato a tre scienziati giapponesi per le ricerche sui diodi semiconduttori, impiegati per i Led a luce blu. Grazie ai Led, a pochi anni dalla messa al bando delle lampadine a incandescenza e dal trionfo delle lampadine a fluorescenza compatte (Cfl), una seconda rivoluzione è iniziata nell'illuminazione domestica. E le lampadine a Led (Light Emitting Diode, diodi a emissione luminosa), classe A+ e A ++, stanno arrivando sugli scaffali di negozi e supermercati. Ma «oltre il 30% dei modelli testati recentemente (12 su 34) non rispetta i requisiti minimi del regolamento europeo di eco design o non dichiara valori corretti sull'imballaggio», osservano i ricercatori del gruppo eERG del Politecnico di Milano che hanno testato 80 lampadine tra Cfl e Led mettendo i risultati su www.premiumlight.eu, finanziato dalla Ue. Si trovano in commercio lampadine e faretti da 60 a 110 lumen per Watt (intensità della luce a parità di consumo). Il primo è un valore tipico di una lampadina a fluorescenza, il secondo di una lampadina Led efficiente. La qualità della luce (colore e resa cromatica) è quasi sempre accettabile e spesso buona.

Legambiente
Per fare la scelta giusta, anche Legambiente dà consigli: quelli di Viviconstile.org.
Ripensare tuttoLe luci Led scaldano poco e illuminano molto. Ma “prima di buttare via soldi acquistando nuovi lampadari inutili e lampadine costose” bisogna fare un progetto di illuminazione “stanza per stanza”.

 

METRO

Articoli Correlati

Il mapping ambientaledi Acea alla Maker Faire

La multiutility alla più importante iniziativa in Europa dedicata all’innovazione

Maker Faire Rome,3 giorni con l'innovazione

Dal 1 al 3 dicembre alla Fiera di Roma

Nell'innovazionel'Italia va a rilento

Diciannovesima in Europa per innovazione, inserita nella categoria “innovatori moderati”