Efficienza energetica Il 2014 è l'anno 1

  • Consumi

ENERGIA La sigla è: “direttiva 2012/27/EU”. Tradotto: risparmiare il 20% dell’energia primaria consumata entro il 2020. Dopo essere stata recepita anche dall’Italia si è messa in moto una “macchina” ambiziosa che apre il campo all’attività di Enea e Autorità per l’Energia, fra gli altri. Vengono coinvolti il patrimonio immobiliare pubblico (della P.A., mentre altre iniziative sono state avviate da Comuni quali Milano e Firenze, come si spiega a lato) e le imprese ad altà “intensità energetica”, ma anche a favore dei consumatori sono previste disposizioni per accrescere la consapevolezza dei consumi e una fatturazione più precisa. In tutte le case, ormai, sono presenti contatori “intelligenti” dell’elettricità. Ora si diffonderanno quelli del gas (vedi il box). Ed è partita una sperimentazione ancora più sofisticata: in 9 città (Torino, Reggio Emilia, Parma, Modena, Genova, Verona, Bari, Salerno, Catania), per 60 mila punti di fornitura, si costituirà un'unica rete condivisa per trasferire i dati sui consumi dai contatori di luce, gas, acqua ai diversi fornitori. Per consentire ai cittadini di risparmiare alla voce “tariffe di rete”. Dopo gli aumenti delle tariffe di ieri, un “must”.

METRO

Articoli Correlati

Famiglie, grande forbicedelle due Italie che spendono

Stabile la spesa mensile destinata ai consumi, ma con gran divario tra Nord e Isole

La gelata dei consumi:3,6 miliardi di spesa in meno

Le previsioni macroeconomiche di Confesercenti: crescita della spesa a metà di quanto previsto dal Governo

Inflazione sotto 1%"Spesa famiglie in frenata"

Istat: dato più basso da aprile 2018. Confesercenti: "Debolezza del mercato interno, aumento Iva sarebbe mannaia"