La Ferrari 458 Speciale A e l'addio di Montezemolo

Auto. È un modello “speciale” quello che Ferrari farà debuttare al Salone di Parigi (4-19 ottobre). E non solo perché si tratta dell’ultima Rossa realizzata sotto la presidenza di Luca Cordero di Montezemolo, ma anche perché si tratta di una serie limitata che celebra il successo della 458. È la 458 Speciale A dove “A” sta per aperta. Pensata per diventare l’oggetto del desiderio di 499 collezionisti, la 458 Speciale A è la spider più prestazionale della storia della Casa di Maranello. Il ricorso al tetto rigido ripiegabile in alluminio (impiega 14 secondi per abbassarsi o alzarsi), limita la differenza di peso rispetto al coupé in appena 50 Kg. La vettura è equipaggiata col motore V8 stradale aspirato più potente nella storia della Ferrari: eroga 605 CV di potenza, 135 CV per litro quella specifica e 540 Nm di coppia a 6000 giri, con emissioni contenute ad appena 275 g/km di CO2. L’accelerazione da 0-100 kmh è di 3,0 secondi e il tempo sul giro a Fiorano è coperto in 1’23”5. La 458 Speciale A viene proposta in una suggestiva livrea gialla con banda centrale blu e bianco, cerchi forgiati a cinque razze in grigio e degli interni decisamente  ispirati alle corse.
(Corrado Canali)