Tasi, la classifica delle Regioni virtuose

  • Fisco

Fisco. Si avvicina lunedì 16 giugno, data del pagamento di Imu e Tasi (acconto). Un giorno da incubo, ma non per tutti. Come noto, il Governo ha prorogato al 16 ottobre/16 dicembre il pagamento nei Comuni che a fine maggio non avevano determinato l’aliquota. La soluzione, che per l’Anci è stata «ragionevole», ha invece messo in apprensione i Caf e fatto arrabbiare Rete Imprese Italia (Casartigiani, Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti), che chiedeva un rinvio generalizzato, e il Codacons, per cui la differenziazione fiscale tra residenti è una discriminazione e viola lo Statuto del Contribuente e la Costituzione.
Uno studio della Cgia di Mestre intanto disegna una mappa delle Regioni “virtuose”, quelle con il maggior numero di Comuni solerti nel definire le aliquote per i quali resta la scadenza del 16 giugno: nell’ordine, Valle d'Aosta (92% dei Comuni), Emilia Romagna (64%), Trentino A. Adige (44%), Veneto (41%), Toscana (38%), Lombardia (31%), Lazio (19%). Ultime Puglia e Calabria (9%), Sicilia (7%) e Basilicata (5%). Milano e Roma, tra le metropoli, slittano a ottobre. Il 16 giugno pagheranno la 1ª rata 7 milioni (40% del totale) su 18 milioni di contribuenti. Nel 27% dei Comuni.

(Metro)

Articoli Correlati

"La Flat tax ci saràMa non faremo tutto in 6 mesi"

Il vicepremier Matteo Salvini: "Una forte riduzione delle tasse ci dovrà essere"

Rottamazione cartelle,ultimi giorni per la quarta rata

Fisco, il pagamento della quarta rata della Definizione agevolata

"Flat tax? La studiamo"Né manovra né patrimoniale

Il ministro dell'Economia, Giovanni Tria