Cablaggio, telecamere, fonti rinnovabili Le nuove spese tra proprietario e inquilino

Norme. L’ultima tabella con la ripartizione degli oneri tra locatore (proprietario) e conduttore (inquilino) risaliva a una quindicina d’anni fa. Ora ne è stata elaborata una nuova che recepisce le novità tecnologiche e normative intercorse nel frattempo, continuando a lasciare a norme di legge e usi locali la definizione di alcune voci (come la ripartizione delle spese relative al compenso dell’amministratore).Alcuni esempiLe “novità” riguardano soprattutto le spese per cablaggio (impiantistica centralizzata di flussi informativi) e installazione di videocitofono e videosorveglianza; o quelle per la produzione di energia da rinnovabili. Il criterio è questo: l’installazione di un impianto (di cablaggio, ad esempio, o di videocitofonia, o di allarme o di videosorveglianza) e la sua manutenzione straordinaria spettano al locatore; la manutenzione ordinaria invece al conduttore. Gli ambiti di spesa sono delimitati. Per l’impianto antincendio, la sua installazione, la sua sostituzione e l’acquisto degli estintori spettano al proprietario; quella ordinaria (ricarica degli estintori, ispezioni, collaudi) all’inquilino.
Nel contrattoLa tabella della ripartizione degli oneri è stata ufficialmente registrata, sicché non dovrà essere allegata al contratto di locazione; è sufficiente che sia richiamata nel contratto stesso. La nuova tabella si può consultare su www.confedilizia.it.
(Metro)