Hyundai ix35 Fuel Cell sogno a idrogeno / IL VIDEO

Auto. La Hyundai crede fortemente nelle vetture ad idrogeno e lo ha dimostrato portando a Milano (dove li ha fatti provare, a scopo dimostrativo, alla stampa specializzata) due esemplari della ix35 Fuel Cell, usciti dalla linea di produzione di Ulsan, in Corea. Perfettamente funzionanti anche nel traffico del capoluogo lombardo, fanno seguito ai primi 15 esemplari già destinati alla municipalità di di Copenaghen in Danimarca e due alla città di Skane in Svezia.
La Hyundai prevede di produrre un migliaio di ix35 Fuel Cell entro il 2015 per le flotte pubbliche e private soprattutto in Europa dove, grazie ad un accordo previsto dall’UE nel 2009, l’obiettivo è ridurre le emissioni nocive dell’80% entro il 2050. Quando nel 2015 i costi di produzione dei veicoli si abbasseranno ulteriormente e si svilupperanno sul territorio le infrastrutture dedicate, la Hyundai inizierà la produzione per la vendita diretta ai consumatori. 
La Hyundai ix35 Fuel Cell, utilizza celle a combustibile che convertono l’idrogeno contenuto nel serbatoio in energia da inviare al motore elettrico e consentono così di emettere unicamente acqua. Il costruttore coreano promette prestazioni e guidabilità simili ad un modello a benzina di una potenza equiparabile a 136 CV: 160 kmh la velocità massima e un’accelerazione da 0 a 100 kmh in 12,5 secondi con un’autonomia dichiarata di 594 km. Sulla Hyundai ix35 FCEV, la cella combustibile si compone internamente di un anodo (positivo) e di un catodo (negativo), all'interno dei quali è racchiusa una membrana di polimero elettrolita.
Il processo di generazione della corrente elettrica avviene in tre fasi: l’idrogeno allo stato gassoso raggiunge l'anodo, dove si divide in ioni con carica positiva ed elettroni con carica negativa. Poi la membrana di polimero elettrolita può essere attraversata solo dagli ioni con carica positiva, mentre gli elettroni con carica negativa viaggiano in un circuito esterno verso il catodo generando una corrente elettrica. Infine sul catodo, gli elettroni e gli ioni con carica positiva si abbinano all'ossigeno, proveniente dall'aria circostante, formando vapore acqueo (H2O) che viene espulso dalla cella come unico prodotto di scarto. Riconoscibile per la nuova calandra, per i paraurti specifici e gli inediti fari fendinebbia, la Hyundai ix35 Fuel Cell è il risultato di 14 anni di ricerca e sviluppo presso il centro di Mabuk in Corea.
La vettura è stata testata per oltre 2 milioni di km tra Europa, Corea e Stati Uniti. “Con la ix35 Fuel Cell, la Hyundai sta dimostrando che la tecnologia a idrogeno non è più un sogno irrealizzabile” spiegano alla Hyundai tanto da considerare la vettura “una tappa cruciale nella storia dell’industria automobilistica non solo coreana, ma di tutto il mondo”. E in effetti alla guida della vettura la sensazione è di trovarsi a bordo di un’elettrica. Sullo schermo del navigatore, inoltre, chi è a bordo è perfettamente in grado di intuire come stia funzionando la vettura, mentre le prestazioni, almeno nel traffico sono simili a quelle di una elettrica con una buona accelerazione, una reattività insolita, ma anche una pressochè totale silenziosità di marcia. Che le auto con propulsione a Fuell Cell siano il futuro delle mobilità soprattutto nei centri urbani alla Hyundai ne sono certi e dopo aver provato per un breve tragitto l’automobile è inevitabile dare ragione ai coreani.
(Corrado Canali)