Torna la Golf GTI e ora si sdoppia/IL VIDEO

Motori. Per la prima volta nella storia di un modello storico nella gamma della Golf, la classica variante sportiva della berlina Volkswagen si sdoppia. Previste, infatti, due le alternative, Golf GTi e Golf GTI Performance accomunate dall'impiego dello stesso motore 2000 cc TSI a benzina, ma divise da 10 CV in termini di potenza massima, con la prima che ne eroga 220 e la seconda che raggiunge i 230. Il quattro cilindri turbo a iniezione diretta deriva dall'unità adottata dalla serie precedente, ma differisce per la rilavorazione completa della testata. L'unità, che eroga in entrambe le varianti 350 Nm, è dotata di Start&Stop ed è omologata Euro 6. Secondo Volkswagen, i suoi consumi sono di 6,0 l/100 km con cambio manuale, -18% sul precedente modello, mentre le emissioni di CO2 si attestano a quota 139 g/km. Grazie, poi, al passaggio alla piattaforma MQB, il peso è sceso di 42 kg, passando da 1.393 a 1.351 kg.
La versione manuale scatta da 0 a 100 kmh in 6,5 s, raggiungendo i 246 kmh, mentre quella con il cambio a doppia frizione DSG tocca i 100 orari in 6,4 s, per una velocità massima di 250 kmh. Va ricordato che fa parte del bagaglio tecnico della sola GTI Performance il differenziale autobloccante anteriore e l'impianto frenante maggiorato con quattro dischi ventilati.
Il "pacchetto" delle nuove Golf GTi prevede servosterzo ad assistenza progressiva, fari allo xeno e una lunga serie di dotazioni di sicurezza, che vanno dal Driver Alert System all'Automatic Post-collision Braking, passando per Xds+, cruise control adattativo, Front Assist con City Emergency Braking e Lane Assist. Delle due version quella che si fa preferire è la GTI più “normale”: silensiosa e grontosa al tempoi stesso ha un assetto sportivo ma non estremo. Chi invece ama le emozioni forti deve optare per la Perfomance che offre in aggiunta un sound decisamente più corsaiolo. La nuova Golf GTI sarà in vendita da giugno a prezzi compresi fra 30.100 euro della versione base, 32.000 euro col cambio DSG e i 31.150 euro della Performance.
(Corrado Canali)