San Camillo, 12 ore al pronto soccorso

Entrare al pronto soccorso Medico Chirurgico dell'ospedale San Camillo, in condizioni gravi, richiede in media 710 minuti, circa 12 ore, prima che il paziente trovi una sistemazione nel reparto idoneo a proseguire le cure.
È solo uno dei dati elaborati dalla Uil-Fpl di Roma, in base alle statistiche dell'ospedale, a fronte di una progressiva diminuzione di accessi allo stesso pronto soccorso: nel 2011 infatti i ricoveri per i codici rossi sono stati 2.406, nel 2012 sono stati 2.355, ma il tempo di permanenza medio è aumentato del 14,5% in un anno (nel 2011 era di 10 ore e 20 minuti). Non va meglio nemmeno per i codici gialli: i 12.284 ricoveri del 2012 hanno registrato una permanenza media di 650 minuti; nel 2011 sono stati 12.888 con una permanenza media di 540 minuti (tempi aumentati del 20%). E infine i codici verdi, che rappresentano la maggior parte dei ricoveri in pronto soccorso (il 70,6%): sono stati 46.193 nel 2011 con una permanenza media di 380 minuti; nel 2012 sono stati 43.129 e la media di permanenza ha toccato le sette ore circa.
«Lo scorso anno il 46% dei codici rossi hanno registrato una permanenza media oltre le sei ore; uno sforamento che ha riguardato anche il 49% dei codici gialli e 25% dei codici verdi, con un peggioramento generale rispetto al 2011» ha spiegato Paolo Dominici, segretario organizzativo della Uil Fpl di Roma, aggiungendo: «In un quadro così drammatico, dettato dai tagli e dal blocco del turn-over, la dirigenza parla ancora di “progetti per il futuro”».
(Paolo Chiratti)