Affitti, il 70% sceglie una casa vicino al verde

Roma. Pazzi per le case vicine ai parchi pubblici, insofferenti verso vicini impiccioni e sempre pronti ad  attaccar briga nelle riunioni condominiali. È questo l’identikit dell’inquilino italiano che emerge da un sondaggio sottoposto ad affiliati e clienti da Solo Affitti, franchising immobiliare. Dal sondaggio, spiega Silvia Spronelli, presidente di Solo Affitti, «si capisce che gli italiani sono affittuari dal pollice verde che  vogliono avere un  polmone verde vicino casa.
Stop a rumorosi e curiosoni
I nostri connazionali preferiscono sopportare di gran lunga vicini rumorosi che curiosoni». Inoltre, prosegue Spronelli, emerge anche «il profilo di un inquilino italiano tendenzialmente irascibile durante le assemblee condominiali e piuttosto attento ai dettagli quando sceglie una casa in affitto». Secondo il sondaggio, quasi 7 italiani su 10 quando cercano casa vorrebbero nelle immediate vicinanze un parco o almeno uno spazio verde. Per il 17% è prioritaria la vicinanza di una rosticceria. La prossimità a centri estetici e palestre è importante per l’11%.
I vicini non graditi
Quasi 6 su 10, il 58,8%, non sopporta i vicini impiccioni. Per l'11,8% degli interpellati guai se dovesse capitare un vicino  musicista che suona o accende l’impianto stereo ad alto volume. Fra i vicini non graditi (12%) anche quelli con “marmocchi” che strillano e giocano facendo rumore tutto il tempo e quelli del piano di sopra con il passo da elefante. Per niente piacevoli, a giudizio del 5,9%, i vicini “amanti focosi” che si fanno sentire con rumorini e gemiti. Oltre 4 italiani su dieci, il 42,1%, si definiscono rissosi. I pacifisti, quelli convinti di poter sempre trovare un accordo con i vicini, sono il 26,3%. Infine, il 15,8% si annoia durante le riunioni condominiali.
 
(Metro)