"La sposa promessa" Hadas Yaron al Pitigliani Kolno'a Festival

Roma – Shira ha 18 anni,è promessa a un ragazzo mai visto e giusto per vedere che faccia ha prima di incontrarlo ufficialmente deve osservarlo da lontano al supermercato. Gli piace persino, si affeziona all'idea ma poi la sorella muore di parto e finisce che lei dovrà sposare qualcun'altro...Non siamo in un passato remoto ma nell'oggi della Tel Aviv di ebrei ortodossi, dentro un mondo di cui ignoriamo quasi tutto e che ci lascerà di stucco. È il bellissimo “La sposa promessa” di Rama Burshtein.
La protagonista Hadas Yaron (Coppa Volpi alla scorsa Mostra veneziana) verrà a presentarlo domenica alla Casa del Cinema alle 20,30 nel contesto del Pitigliani Kolno'a Festival (festival del cinema israeliano dal 3-7 novembre) e avverte: «IL film non vuol giudicare nessuno,resta aperto a ogni interpretazione ma,di certo, per lo spettatore laico, occidentale, sarà una rivelazione».
Ma da dove viene il bisogno di parlarne proprio oggi? «Per la regista che vive a New York era qualcosa di speciale, un mondo che una mistura di gioia, dolore e tristezza sa tenere insieme senza scomporsi». Vedere per credere.
(Silvia Di Paola)