Cede un pilastro Evacuata la scuola

È stato un genitore di uno dei 400 alunni del plesso scolastico “Sciascia”, in via Domenico Lupatelli, ad accorgersi che c’era qualcosa di molto strano. Uno dei pilastri che sorreggono l’edificio era imploso, rendendo pericolosa tutta la struttura, che ospita una materna e un elementare.
In pochi minuti sono stati avvisati gli insegnanti mentre sul posto arrivavano vigili del fuoco e polizia. I 400 scolari sono stati evacuati e, dopo le verifiche effettuate dal tecnico strutturista è stata decisa le chiusura di tutta la scuola. Il cedimento del pilastro è avvenuto nel teatro sottostante la scuola. Ieri per precauzione è stata sgomberata anche una vicina piscina.
La scuola si trova non lontano da via di Vigna Jacobini, dove nel 1998 il crollo di una palazzina provocò la morte di 27 persone. Oggi è previsto il sopralluogo della Commissione stabili pericolanti del Comune di Roma. Nei prossimi giorni le classi resteranno chiuse.
«Nel febbraio 2011 segnalai cedimenti strutturali nella stessa scuola» ha denunciato Augusto Santori,consigliere Pdl nel XV Municipio. «La situazione è sotto controllo, ma la zona soffre una particolare situazione idrogeologica di cui il Comune dovrebbe preoccuparsi di più» ha sottolineato Gianni Paris, presidente del XV Municipio.
(Metro)