"Da Venezia a Roma" con Bellocchio & Co.

Cinema – Alle spalle le polemiche sulla “provincialità” del cinema italiano che ha infiammato il finale di una kermesse sottotono (“sobria – dicono i critici buonisti – in linea con la crisi”), i film della Laguna sbarcano nella Capitale per la XVIII kermesse Da Venezia a Roma. Tra Adriano, Eden, Giulio Cesare, Barberini, Quattro Fontane, Mignon, Savoy, Alcazar, fino al 16, sfileranno decine di titoli. Tra i film passati in concorso alla Mostra del cinema, il russo Betrayal, il finlandese Thy Womb, l'austriaco Paradise: Faith, il nuovo lungometraggio di Takeshi Kitano Outrage Beyond, l'israeliano Fill the Void, il belga La cinquième saison, e i francesi Superstar e Après mai, oltre a titoli come Pietà ed È stato il figlio, che anticipano di qualche giorno il loro sbarco ufficiale in sala.Ghiotto il panorama di altre pellicole proposte, alcune delle quali non han trovato distribuzione: potrebbe essere l'unica opportunità di vederle al cinema. Infatti, se Love is all you need (Teodora) e Tango libre (Bolero) passeranno in Italia, per ora non si conosce il destino di The Ice Man, Heritage e O Gebo e a sombra di Manoel de Oliveira.
Da non mancare, poi, i rendez-vous alla Fandango (ingresso libero) con Marco Bellocchio (oggi, h18), Stefano Rulli, Pier Giorgio Bellocchio e  Alba Rohrwacher; con Daniele Ciprì (domani); con Francesco Rosi (il 21), Luigi Lo Cascio (il 13) & Co..
Alla Fandango Gli altri incontri  in progeramma alla Fandango: Ivano De Matteo per il film Gli Equilibristi (il 14, dalle 18); Vincenzo Marra per Il Gemello (il 18), Leonardo Di Costanzo per L'intervallo (il 19).Ingresso libero. Via dei Prefetti 22. Modera il professore Francesco Linguiti (www.fandangoincontro.it)Il programma del Festival nel dettaglio sul sito www.agisanec.lazio.it
(Orietta Cicchinelli)