Nuovo stadio della Roma Lo stop della Regione

«Non sappiamo  nulla dello stadio della Roma. Non abbiamo nessun progetto presentato, nè nessun tavolo tecnico di consultazioni». Così Federica Galloni, Direttore regionale del Lazio per i Beni Culturali, sulle aree (Massimina, Bufalotta e Tor di Valle)  candidate a ospitare il nuovo stadio della Roma, sottolineando l’esistenza di vincoli per Tor di Valle.
«La Massimina? Avevamo già detto no, dubito che la ripresentino come zona, altrimenti avrebbero la stessa risposta. Noi abbiamo sempre detto, come Beni Culturali, che siamo disponibilissimi a ricercare un posto per gli stadi perchè auspichiamo che gli impianti vengano fatti al di fuori del perimetro centrale della città. A mio avviso si possono trovare delle aree che non sono vincolate e che possano essere destinate a questo, al momento non siamo stati chiamati da nessuno per condividere l’ipotesi di fattibilità, se c’è».
«A Tor di Valle - ha proseguito il Direttore regionale -  bisogna vedere l’esatta localizzazione e che tipo di intervento urbanistico vogliono fare, perchè non è solo lo stadio. Bisogna verificare più che altro questo. Una lottizzazione intorno allo stadio la possiamo escludere a priori, non è pensabile allestire una nuova città attorno a uno stadio satellite».
(Metro)