Ben Harper infiamma il pubblico di Rock in Roma

Roma – Ben Harper torna anche quest’anno al “Rock in Roma” e lo fa in grande stile e per la seconda volta suona al festival accompagnato dalla pioggia e da una serata non proprio di fine luglio. L’arena dell’Ippodromo delle Capannelle, gremita di fan, lo accoglie calorosamente e dopo l’open act di Nneka  - artista soul dalla doppia anima tedesca e nigeriana, che si esibisce su un palco bagnato – si scatena sulle prime note di Harper che apre in acustico con la sua fedelissima chitarra Weissenborn con “She is only happy in the sun”.
Ben, con il suo misto tra jazz, blues e rock scalda il pubblico a cui regala ben due inediti, "Wide Open Light" e "Masterpiece" e spiega dal palco che questo lo fa solo in concerti speciali come quello di ieri sera.
L’arena è incontenibile appena Harper esegue i pezzi più famosi, da "Diamond On The Inside" alla cover di "Jeremy" dei Pearl Jam, per arrivare a "Lifeline" eseguita con la chitarra appoggiata sulle gambe come una tastiera.
Ben Harper è un maestro di musica, parte con puri accenni di poesia e chiude non tradendo le aspettative, due ore e mezza di bravura indiscussa che lascia il pubblico senza fiato. Cuore e musica e Ben Harper colpisce ancora.
 
(Metro)