Differenziata a Roma Il piano entro luglio

«Sul post Malagrotta finalmente si sta lavorando con concentrazione e silenzio. Saremo in grado, entro luglio, di dare risposte concrete e definitive sperando che non ci siano polemiche inutili e fuorvianti». È quanto ha dichiarato il sindaco di Roma Gianni Alemanno dopo aver presentato oggi presso l’Aranciera di San Sisto le nuove spazzatrici elettriche e i compattatori a energia solare. Si tratta di 12 spazzatrici a trazione elettrica, comprate con un prestito a fondo perduto del ministero dell’ambiente.
Il sindaco ha poi rilanciato: «Il prefetto sta raccogliendo tutti i dati necessari. Stiamo aggiustando l’accordo che deve unire Provincia, Comune e Regione e ministero dell’Ambiente per aumentare la raccolta differenziata secondo gli obiettivi che ci siamo previsti, ovvero portare entro il 2014, a Roma, la raccolta differenziata al 50%».
«I recenti dati emessi dal rapporto della Società Comieco indicano che la città di Roma è l’unica grande città che ha aumentato la raccolta differenziata degli imballaggi. Abbiamo un +2%, mentre tutte le altre città italiane sono in calo» ha aggiunto il sindaco.
E sul futuro dei rifiuti di Roma ha parlato anche il ministro dell’Ambiente corrado Clini, che da Palazzo Chigi ha detto: «Su Corcolle abbiamo evitato il disastro di fare una discarica vicino alla Villa di Adriano. Ora c’è l’opzione di Pizzo del Prete. L’area ha i requisiti geologici, ma è di pregio storico-artistico, sarebbe meglio non farla. Anzi se il Comune lavorerà bene sulla differenziata potrebbe non esserci più bisogno di una nuova discarica».
(Metro)