Nazisti a Circo Massimo Due ragazzi arrestati

Ha sbandierato una croce uncinata durante la finale degli Europei, confuso tra le decine di migliaia di romani e stranieri che domenica sera affollavano il Circo Massimo per assistere sui maxi schermi al big match Italia Spagna. Un’Immagine ripresa dalle televisioni, che ha fatto il giro del mondo.
Un suo amico a cinque minuti dalla fine della partita ha scagliato contro il maxi schermo centrale bottiglie, petardi e altri oggetti, danneggiandolo e costringendo gli organizzatori a spegnerlo. I due ragazzi, 23 e 19 anni, sono stati arrestati dalla Digos per resistenza a pubblico ufficiale, e apologia di fascismo, e per non aver rispettato il divieto di assistere a manifestazioni sportive (Daspo) emesso nei confronti di uno di loro.
Gli agenti hanno atteso la fine della partita per bloccarli senza creare scompiglio. In casa del 23 enne, che nel 2008 era stato già denunciato per apologia di fascismo, la polizia ha trovato un manganello con l’effige di Mussolini. Il 19 era già stato segnalato come appartenente a un gruppo ultras della Roma. Nella stessa sera sono stati denunciati anche un ragazzo e una ragazza che avevano partecipato al lancio di oggetti.
(Metro)