Salvamamme e la boutique della solidarietà

Roma. Apre le porte a Roma il “Free Temporary Shop” dell’associazione Salvamamme, realizzato con il contributo dell’Assessorato alle Politiche sociali e Famiglia della Regione Lazio.
Uno store di 300 mq presso l’Istituto Sant'Alessio di via Gregorio VII 601-603, inaugurato ieri con la benedizione del vescovo Lorenzo Leuzzi. Un vero e proprio negozio della solidarietà , il primo di questo genere in Italia, dove fino all’8 giugno più di mille famiglie in difficoltà socio-economica di tutto il Lazio, individuate da Salvamamme in collaborazione con i servizi sociali territoriali, le associazioni di volontariato, le parrocchie e gli enti, potranno “acquistare gratuitamente” per sé e i loro bambini vestiti per l’estate.
«La logica è semplice - spiega l'assessorato - non donare passivamente ma  permettere a chi ha bisogno di scegliere tra 35 mila capi di abbigliamento  donati da migliaia di famiglie». È una risposta fatta di numeri alle tante difficoltà accentuate dalla crisi e dalla disoccupazione. Una risposta lanciata in  nella Giornata mondiale delle famiglie. Lo store è aperto  dalle 10 alle 13 e dalle 14.30 alle 17.30.
Salvamamme Che cos'è È una delle onlus più forti nel Lazio:  da 20 anni èun centro per donne e ba mbini in difficoltà. Lavora  con la Caritas, le Asl, 300 enti pubblici e privati. Nel  2011 ha aiutato circa 2mila famiglie con  100mila prodotti. L'appello “Salviamo pappe e corredini da Equitalia” è l'appello fatto arrivare anche al presidente del Consiglio, Mario Monti, per fare fronte a un conto in sospeso di 25mila euro. Salvamamme riceve sovvenzioni da Regione e Comune.
(S.B)