Donne in scena con la Marlowe

Milano. Un fascino da grande interprete della scena. Così apparirà Linda Marlowe, attrice dalle potenzialità interpretative straordinarie, musa di Steven Berkoff e icona del teatro inglese, che porterà, per la prima volta in Italia, fino al 29 aprile al Teatro della Contraddizione “The World’s Wife” di Carol Ann Duffy. Nella piccola sala di via della Braida 6 si avrà così l’occasione di assistere all’acclamato poema “La moglie del mondo” della celebre poetessa e drammarturga scozzese. Sulla scena, grazie all’irrefrenabile fisicità della Marlowe, si conosceranno le donne, vere o immaginarie, di uomini famosi. E ognuna con la sua inedita storia da raccontare: dalla signora Faust a Frau Freud, da Queen Kong, la moglie di King Kong, alla signora Mida, dalla moglie di Pilato a quella di Esopo. Un gioiello di sintesi e d’ironia sarà, ad esempio il monologue della signora Darwin, che liquida il marito in tre righe: «Siamo andati allo zoo. Gli ho detto: c’è qualcosa in quello scimpanzé che mi fa pensare a te”. Uno spettacolo pieno di humour nero e di spirito pungente, esilarante e capace di dar vita a un microcosmo al femminile messo a confronto con i rispettivi alter-ego maschili. D’altronde questo prezioso poemetto della Carol Ann Duffy è già un classico nel Regno Unito e la scrittrice, le cui opere sono già adottate come testi scolastici, ha da pochissimo ricevuto il Commander of the British Empire per meriti letterari, prima donna scozzese e dichiaratamente bisessuale a ricevere il prestigioso riconoscimento (Info: 02 5462155).
(Antonio Garbisa)