Morti in cantiere Arriva il Governo

Città. Una delegazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sugli infortuni sul lavoro sarà oggi a Torino. Prevista alle 16,30 una visita a LaFuMet, l’azienda di Villastellone dove lunedì scorso cinque operai sono stati feriti per un’esplosione nel reparto in cui vengono compressi i rifiuti industriali. La commissione incontrerà in Prefettura  i vertici delle istituzioni regionali, della magistratura, delle autorità competenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro, nonché delle organizzazioni rappresentative dei lavoratori e dei datori di lavoro. Tra gli argomenti sul tavolo anche l’incidente avvenuto sabato al cantiere del Gerbido dove è in corso la realizzazione dell’inceneritore. Il cedimento metallico di un’impalcatura ha fatto precipitare nel vuoto tre operai: Cosimo Di Muro, 48 anni, di Canosa di Puglia, è morto sul colpo. Il fratello Antonio, 40 anni, è rimasto ferito ed è stato trasportato al Cto: ha riportato una frattura costale, contusioni al polmone e al fegato e altre lesioni. Con loro, è caduto anche Mihai Lupu, romeno residente a Ravenna, 25 anni, che ha riportato una frattura alla 12esima vertebra. La parte del cantiere dove è avvenuto l’incidente è stato posto sotto sequestro, mentre martedì nella restante parte riprenderanno i lavori. Quello di sabato è il secondo incidente nel cantiere in un mese.
(Rebecca Anversa)