Da Malika a la Pina una festa per il V-Day

Teatro. Un cast di venti donne tra attrici, cantanti e giornaliste come Malika Ayane, Geppi Cucciari, la Pina, Stefania Rocca, Marina Massironi, Lella Costa e Paola Turci leggeranno stasera, alle 20.30, alla Sala Shakespeare dell’Elfo Puccini “I monologhi della vagina” della newyorchese Eve Ensler. L’occasione è il V-Day, una serata ideata dalla stessa autrice del testo, presente anche in sala, per levare una voce forte e chiara contro la violenza sulle donne e raccogliere fondi per le vittime. Tanto che l'incasso sarà devoluto a favore dell’associazione Cerchi d’acqua, una cooperativa sociale che affronta il complesso problema della violenza all’interno della famiglia. In questa messinscena tutte le attrici indosseranno sull’abito nero una sciarpa rossa disegnata e donata dallo stilista Antonio Marras. Un testo dal forte impatto emotivo questi “I monologhi della vagina” che pescano direttamente dal vissuto femminile. Perché Ensler l’ha ricavato intervistando oltre 200 donne di tutte le età, razze, professioni e classi sociali e chiedendo loro di parlarle della propria vagina. “I monologhi” raccontano così della violenza sulla parte più debole del corpo sociale: quella quotidiana che in tutto il pianeta avviene sul corpo delle donne. Nel tempo questo testo è stato interpretato dalle più grandi star, da Glenn Close a Susan Sarandon, da Whoopi Goldberg a Winona Ryder. E il 10 febbraio 2001, a New York, il “V-Day” si è tenuto nell’arena di 18.000 posti del Madison (Info: 02 00660606).
(Antonio Garbisa)