Schiamazzi e alcol prorogati i divieti

Roma. Contro gli eccessi della movida e in vista   della scadenza al 31 marzo dele ordinanze che vietano pub crawl, autorizzazioni di manifestazioni a Piazza Navona e Fontana di Trevi e schiamazzi nel centro storico, ieri il sindaco Gianni Alemanno ha deciso di prorogarle. Le ordinanze contro il pub crawl e gli schiamazzi avranno validità fino al 30 settembre 2012 (per allineare la durata dei provvedimenti alla scadenza dell’ordinanza antialcol) mentre l'ordinanza di tutela del patrimonio del centro storico scadrà il 31 dicembre 2012.  L'ordinanza a tutela della sicurezza pubblica e della salvaguardia del patrimonio artistico e monumentale in specifiche aree del centro storico vieta ai responsabili degli Uffici e Servizi  dell’Amministrazione Capitolina di procedere al rilascio di concessioni di suolo pubblico per eventi e manifestazioni da svolgersi nell’area di Piazza Navona e della Fontana di Trevi. Pesanti le sanzioni previste  dall'ordinanza  antischiamazzi, che impone invece ai gestori di esercizi pubblici «di diffondere musica a porte e finestre chiuse e di assicurare la costante pulizia degli spazi pubblici concessi, pena la sanzione amministrativa di 500 euro».
 
Il numero60 gli esercizi coinvolti nei pub crawl rischiano la sospensione dell'attività per un periodo compreso tra 3 e 60 giorni e in caso di recidiva la revoca dell'autorizzazione.
 
(Metro)