Fifa nel caos, a rischio i Mondiali di calcio 2014

Scricchiolii terrificanti, scontri fra titani, regolamenti di conti. In mezzo il Mondiale del 2014 a rischio. Avete letto bene. Notizia di ieri Ricardo Teixeira, n°1 della Federcalcio Brasiliana, si è fatto da parte.
Incredibile, ma vero, ha lasciato la poltrona che aveva avuto dal suocero, tal Havelange (!), quasi per “diritto divino”. Motivi di salute, dice. Eppure non molla quella di n°1 di Brasil 2014. La verità? È l’effetto della guerra con la Fifa che già nel luglio 2011, tramite Valcke, parlava di «calcio nel sedere da dare al Brasile» in ritardo con i lavori del Mundial e in una bufera di scandali. La Fifa non ha un piano B, ma si parla di Germania e Inghilterra pronte a sostituire il Brasile. Al posto di Teixeira (per Romario «un cancro») il 79enne vice José Marin («Speriamo non rubi in Federcalcio», ha sibilato Romario).
(fra.fac twitter: @frafacchini)