Gli insaziabili mangia-mister

Altro che Antonietta Di Martino e il suo salto d'argento ai recenti Mondiali indoor! E' il calcio che batte tutti i record in quanto a salti, o meglio, al salto della panchina. Con Ballardini fresco fresco di esonero dalla panchina del Cagliari, è stato eguagliato il record di esoneri in serie A, 15, della stagione 1951/52. I nostri allenatori sembrano come tappi di champagne la notte di Capodanno.  «Cellino sarà stato preoccupato per la squadra e avrà avuto i suoi buoni motivi – ci dice Maurizio Zamparini, un presidente che di esoneri se ne intende – al suo posto avrei fatto lo stesso. Poi ha rimesso in panchina Ficcadenti (che Ballardini aveva sostituito, ndr) che è un signor allenatore e che era in busta paga del Cagliari, quindi l'ha avuto a costo zero. Pioli? Sta facendo un ottimo lavoro a Bologna, ma quando era al Palermo, ci ha fatto uscire dall'Europa per mano di una squadra svizzera sconosciuta, non si era inserito e non aveva in mano la squadra. Che dovevo fare?». Afare le valigie è toccato anche a Mondonico, mandato via dal Novara dopo poche giornate. «L'importante è vivere – ha detto Mondo, che ora allena ragazzini a Lodi – nessun problema, ma una telefonata da parte del presidente mi sarebbe piaciuta». Critico Mazzone. «Ma possibile che sia sempre colpa dei tecnici? - dice dal suo ritiro di Ascoli – diamoci una calmata. Se c'è chi vince, c'è chi perde. E' il calcio, viviamolo con più serenità».
(FRANCESCO NUCCIONI)