Piazzale del metr di Gessate degrado e abbandono

Bottiglie rifiuti e topi Egrave la vista sul piazzale davanti alla stazione del metr ograve di Gessate Dove fermano anche i bus della Provincia Una terra di nessuno contesa tra Palazzo Marino proprietario dell area e Palazzo Isimbardi che l igrave ha il suo snodo del trasporto pubblico In mezzo il comune di Gessate che si ritrova un non luogo degradato bramato solo dagli automobilisti per sostare senza pagare il parcheggio Atm l igrave accanto Il degrado denunciato da anni dai pendolari dipende dal fatto che da un anno e mezzo nessuno rimuove i rifiuti L ultimo intervento una pulizia straordinaria effettuata da Atm ad aprile 2011 laquo L area non egrave nostra raquo spiega il sindaco di Gessate Mario Leoni laquo e non possiamo farcene carico Sono anni che Comune e Provincia litigano e noi aspettiamo raquo Oltre a pulire bisognerebbe rifare anche il manto stradale prezzo stimato 100mila euro laquo La colpa dice l assessore provinciale ai Trasporti De Nicola egrave di Milano che non vuole spendere una lira per i suoi terreni fuori dai confini della citt agrave raquo nbsp laquo Noi raquo continua laquo avevamo proposto di prendere in gestione tutto lo spazio compreso il parcheggio ora gestito da Atm ndr trasformarlo in area di sosta a pagamento affidandolo a una delle nostre societ agrave di trasporto e con i proventi ristrutturare l area raquo nbsp nbsp nbsp nbsp Un accusa respinta dall assessore al Traffico milanese Pierfrancesco Maran laquo Quella egrave una situazione che abbiamo ereditato dalle precedenti amministrazioni che non hanno mai trovato un accordo con la Provincia A fine gennaio abbiamo proposto a Provincia Comune di Gessate e Atm di rendere a pagamento le aree limitrofe utilizzando le risorse della sosta riqualificazione dell area raquo laquo A fine febbraio raquo continua Maran laquo al tavolo convocato per decidere su questa nostra proposta mancava proprio il Comune di Gessate Pertanto invitiamo gli altri enti coinvolti a convocare un nuovo tavolo raquo E intanto il degrado continua nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp nbsp Andrea Sparaciari