Caso Maricica, chiesta condanna a 20 anni La donna fu uccisa alla stazione Anagnina

Roma. Venti anni di reclusione per omicidio preterintenzionale aggravato dai futili di motivi: è la richiesta di pena sollecitata alla prima corte d'assise dal pm Antonio Calaresu nei confronti di Alessio Burtone, il 22enne romano accusato di aver provocato la morte dell'infermiera romena Maricica Haianu, colpita con un pugno in faccia nel corso di una lite alla metro Anagnina l'8 ottobre del 2010 e deceduta, una settimana dopo, all'ospedale Casilino. I La famiglia dell'infermiera, attraverso l'avvocato Alessandro Di Giovanni, ha chiesto mente due milioni di euro di risarcimento. «Vogliamo che lo Stato dia una risposta forte e precisa», ha detto il penalista. La prossima udienza è fissata per  il 16 marzo.
 
(Metro)