Golf, Harakiri di Luna E la Cina fa l'en plein

Golf. La formazione A della Cina (Shanshan Feng/Li Ying Ye) ha fatto l’en plein nel Mission Hills Ladies World Championship, torneo nato sulla falsariga dell’ex World Cup e che si è svolto al Mission Hills Hainan's Vintage Course (par 72) di Haikou, ad Hainan in Cina. Il team di casa ha vinto con 415 colpi (134 136 145, -17) la gara a squadre e la Feng si è imposta con 206 (66 69 71, -10) in quella individuale. Responso un pò amaro, peraltro a margine di un’ottima prova complessiva, per la compagine azzurra (Diana Luna/Giulia Sergas) che ha concluso al quarto posto con 421 (137 144 140, -11) il torneo per nazioni e con la Luna (209 - 66 71 72, -7) che ha occupato la stessa posizione nella competizione individuale.
Responso amaro, perchè a una buca dal termine la romana era in vetta, dopo aver praticamente condotto per tutto il turno, alla pari con Feng, poi un triplo bogey sull'ultimo green ha cambiato la classifica individuale e ha messo fuori dal podio le azzurre in quella a squadre. Infatti vi erano entrate grazie all’ottima prova di Giulia Sergas, salita dal 27° al settimo posto con 212 (71 73 68, -4) dopo un parziale di 68 (-4), miglior score di giornata ottenuto anche dall’inglese Melissa Reid.
Le cinesi hanno prevalso in un lotto di venti rappresentative nazionali, tra cui ve ne erano due delle giocatrici di casa. superando la Thailandia (Pornanong Phatlum, Nontaya Srisawang), seconda con 417 (-15), e la Svezia (Pernilla Lindberg, Linda Wessberg), terza con 420 (-12). Al quinto posto con 425 (-7) l'Inghilterra (Melissa Reid/Florentyna Parker), al sesto con 432 (par) Taipei (Candie Kung/Amy Hung), al settimo con 434 (+2) la Francia, all’ottavo con 437 (+3) la Norvegia, e al nono con 438 (+4) la Germania e il Sudafrica. Nell’individuale la Feng (in totale 5 birdie e 4 bogey per il 71), ha prevalso con un colpo di vantaggio sulla Phatlum (207, -9) e con due sulla Lindberg (208, -8). La Luna è stata affiancata dall’altra cinese Li Ying Ye, quindi al sesto posto con 210 (-6) la Srisawang e al settimo, oltre che la Sergas, anche la Reid, la Wessberg e la statunitense Beth Allen. Ha partecipato solo all’individuale Margherita Rigon, che è terminata 36ª con 220 (71 75 74, +4). La Luna, che dopo due turni era al terzo posto con due colpi di ritardo dalle cinesi Feng e Ye, è partita molto forte mettendo alla frusta le avversarie con due birdie e un eagle nelle prime quattro buche, poi ha rallentato con un bogey alla 9 e ha proseguito con sei par fino alla 15.
Alla 16 la romana ha segnato un altro bogey, che ha permesso alla Feng di raggiungerla, quindi ha realizzato come la rivale un birdie alla 17, ma alla 18 è arrivato il triplo bogey, assolutamente inatteso per come aveva giocato fino a quel momento. La Sergas, dopo un avvio altalenante, ha accelerato nel finale cogliendo il 68 con quattro birdie nelle ultime sei buche (complessivamente sei birdie e quattro bogey). Nel 74 (+2) della Rigon due birdie e quattro bogey. L’evento è stato organizzato in collaborazione tra i circuiti femminili: europeo, americano, coreano, giapponese, cinese e australiano.
(Adnkronos)